Primaria, via alle attività on line: videoconferenze e materiali proposti alle famiglie

Lontana o prossima che sia, si può cominciare a capire il valore della scuola ‘a distanza’  guardando chi ha già iniziato a lavorarci, ideando contenuti e coinvolgendo attivamente le famiglie in queste forzate settimane di chiusura delle aule.

E’ il caso della Primaria in Frassati, dove le maestre, coordinate da Elena Fumagalli, stanno già sperimentando nuove modalità di didattica, utilizzando le piattaforme informatiche messe a disposizione dalla scuola e in particolare Microsoft Teams, l’ambiente di lavoro con cui si può interagire, su invito, in un unico ‘luogo virtuale’.

“Dopo aver messo a punto gli strumenti didattici e le infrastrutture necessarie per la condivisione on line - afferma la Coordinatrice – dalla prossima settimana attiveremo i primi collegamenti con le famiglie e i nostri piccoli alunni. Saranno delle brevi video-conferenze di circa trenta minuti ciascuna, nelle quali le maestre potranno in primo luogo tornare a farsi vedere da loro, riallacciando la relazione. Ogni insegnante condurrà una mini-lezione on line e caricherà i materiali sui quali i bambini potranno esercitarsi”.

Ogni docente proporrà alle famiglie due possibili fasce orarie di presenza video settimanale, così che i destinatari possano scegliere il migliore nell’ambito della propria gestione domestica. L’area dei materiali, invece, verrà caricata dai docenti tra venerdì e sabato: dalla domenica le famiglie avranno pertanto a disposizione i files di lavoro per la settimana successiva. Una scelta che favorisce una più serena programmazione da parte loro lungo l’arco delle giornate.

“Mi sembra importante – continua Fumagalli – evidenziare il fatto che il nostro primo intento è offrire una proposta, non un compito tassativo. Anche in tal senso ciò che chiediamo è, all’interno delle molteplici attività, la restituzione di un solo compito alla settimana. Non avrebbe alcun senso ‘caricare’ di responsabilità né il figlio né i genitori: vogliamo solo lanciare un ponte che mantenga salda e viva la relazione, umana e didattica, che è quanto ci sta a cuore”.

Tutti gli insegnanti delle due sezioni della Primaria sono coinvolti nella nuova modalità di ‘fare scuola’ secondo una tabella di marcia interna che si attua in incontri di classe e di interclasse totalmente in modalità ‘smart’. Ne fanno parte anche le docenti di sostegno, in affiancamento nella gestione degli appuntamenti video con gli alunni che lo necessitano.

Una scuola attenta al bambino, intelligentemente digitale e soprattutto inclusiva da ogni punto di vista.

Una scuola che, nelle circostanze avverse della vita, pone il cuore oltre l’ostacolo e propone la bellezza della luce oltre il disarmante buio del momento.

Seveso, 13 marzo 2020