La storia per immagini e narrazione, in quarta B le maschere di Agamennone

Immedesimazione e narrazione.

Sono le chiavi di lettura alla base delle originali e intriganti maschere di Agamennone, il mitico personaggio della tragedia classica greca rappresentato dai piccoli alunni della 4B sulla parete esterna alla classe, in questi giorni ben visibili a chiunque attraversi i corridoi della scuola.

“La didattica della storia – racconta l’insegnante Laura Busnelli - verte in Frassati su una didattica di tipo narrativo, perché il bambino pensa 'per storie' e prova un grande fascino per il racconto del passato. A quest’età la mente concepisce la storia come un insieme di vicende vere, con uomini realmente esistiti, per cui il contatto con persone reali, che hanno desiderato e sofferto, fa si che gli eventi del passato siano un'affascinante occasione di incontro”.

Gli alunni delle classi quarte hanno da poco intrapreso lo studio della civiltà greca e soprattutto in quarta B ne è scaturito un atteggiamento di grande curiosità.

“Attraverso la tecnica dello sbalzo su rame – conclude Busnelli - ho chiesto loro di realizzare la maschera funebre di Agamennone, riproducendo la fonte storica ritrovata da Heinrich Schliemann nelle tombe reali di Micene. Grazie all’immedesimazione con il personaggio, è diventato più semplice narrare le sue imprese eroiche”.

Nei prossimi mesi altri grandi personaggi dell’antichità ellenica saranno proposti in tal modo alla curiosità dei bambini.

Seveso, 20 gennaio 2020