Vivere Pasqua

Compito di ogni scuola è accompagnare bambini, ragazzi e giovani al perché delle cose, aumentandone il grado di complessità secondo l’età. Sono ormai arrivate le vacanze di Pasqua e anche con i bambini più piccoli vogliamo approfondire il perché di queste vacanze. Come? Attraverso un’esperienza: quella della Via Crucis di Martedì 22 Marzo.
Ecco le foto.

La Via Crucis si è svolta nel chiostro del seminario e si è conclusa nell’adiacente seminario di San Pietro Martire, porta Santa del Giubileo. Durante il momento di preghiera settimanale a scuola, i bambini hanno  imparato che le opere di misericordia sono il nostro modo di “essere all’opera” da cristiani. Seguendo Gesù
sulla via del Calvario sappiamo che il modo per essere come Lui è mettere in pratica le opere che Lui per primo ha compiuto: amare, perdonare, donare la vita.

I bambini hanno sperimentato, stazione dopo stazione, che aprire il cuore è una necessità, proprio come se fosse una «porta». Ma per aprire porte ci vogliono chiavi. Per questo ognuna delle cinque stazioni propone una “chiave”.

Grazie a tpasquautti per aver partecipato a questo gesto. Ci siamo messi in cammino seguendo la Croce, scoprendo che il dono della vita di Gesù è il segno più alto della misericordia del Padre e facendo memoria delle parole di Papa Francesco: “A volte ci sembra che Dio non risponda al male, che rimanga in silenzio. In realtà Dio ha parlato, ha risposto e la sua risposta è la Croce di Cristo: una Parola che è amore, misericordia, perdono.”